Login  

   

ATTIVAZIONE DCI-CN308

Monastero Fortificato S. Stefano del Bosco di Moline a Vicoforte

“21/05/2011 - WCI 2011”

Sabato 21 maggio 2011, data tristemente nota per l’assassinio dell'ex Primo Ministro indiano Rajiv Gandhi da parte di un terrorista kamikaze imbottito di esplosivo nei pressi di Madras e data della scoperta dell’Isola di Sant’Elena (ZD7) ad opera del navigatore portoghese João da Nova, con il nominativo della Sezione A.R.I. di Mondovì IQ1BP/p (QSL via IK1GPG), io e Betty ci siamo recati in località Moline di Vicoforte, in provincia di Cuneo, (locatore JN34WJ e 612m s.l.m.), per attivare il Monastero Fortificato Santo Stefano del Bosco (valida con la referenza DCI-CN308 per il diploma dei Castelli d’Italia e DAI-PM0658 per il diploma delle Abbazie d’Italia).

La Frazione Moline attualmente conta circa 130 abitanti, ma in passato la popolazione era ben più numerosa. L'origine del toponimo "Moline" deriva probabilmente da "molendinum" cioé molino; la presenza di un mulino (esistente fino a qualche decennio fa) é attestato catastalmente dal 1762. Il nome del luogo compare già in un documento del "Liber instrumentorum" del Comune di Mondovì risalente al 16 marzo 1260.
Presso l'archivio storico di Vicoforte é classificata una "strada delle Molline" che dalla contrada Costa attraversa la contrada del Poggio e mette in comunicazione con la parrocchia di Moline e si diceva che tale strada, oltre a servire gli abitanti di Montaldo, Roburent e Pamparato, "serve a tutti gli individui di Vico che vanno al molino".
La storia della frazione affonda le sue radici in quella del Priorato benedettino di Santo Stefano del Bosco, ai confini della Parrocchia di Moline, i cui edifici ospitano attualmente una "cascina" che del convento ha conservato il nome. I monaci infatti, nei paesi in cui si stabiliscono promuovono l'agricoltura, spingono i popoli a far rinascere gli antichi borghi e a fondarne di nuovi in prossimità delle loro abbazie.

I feudatari, per lo più dediti alle armi, vedevano soprattutto nel convento la sua funzione militare: era un avamposto, da collocarsi in giusta posizione, in località di facile difesa, su passaggi stradali obbligati, per controllare mercanti e predoni. Dovevano essere in condizione di accogliere all’occorrenza un reparto di soldati.

La referenza censita lo scorso anno non era mai stata attivata; venerdì sera in Sezione decidiamo di partecipare al WCI 2011 e quale occasione migliore per fare un new-one.

Ci separano circa 20 chilometri; partiamo qualche minuto prima delle 14.00 da Mondovì (durante le prove del GP di Formula 1 a Barcellona) e dopo circa 25 minuti ci troviamo sul posto. Trovata la postazione per piazzare le nostre apparecchiature iniziamo, come di consueto, a scattare le prime fotografie.

In meno di 30 minuti montiamo tutto, l’immancabile bandiera italiana, la collaudatissima antenna verticale di Pino I2MWZ, il trasmettitore Yaesu FT-847 ed il gruppo elettrogeno Honda EU10i della sezione, sistemato ad oltre 30 metri dalla stazione, l’indispensabile computer portatile per il caricamento on-line dei dati utilizzando il programma americano CT10 di K1EA, l’alimentatore ed i vari accessori.

Prima di iniziare mettiamo in bella vista anche lo striscione della Sezione che durante l’attivazione attirerà la curiosità di alcuni passanti che si fermano a vedere e chiedere informazioni sul nostro operato.
 
Nel frattempo ci raggiunge Gianpiero IW1CHT che quando può si unisce alle nostre attivazioni. L’ottima postazione non ci ha deluso: abbiamo effettuato 229 QSOs (88 QSOs in 20m, 141 QSOs in 40m per un totale di 25 paesi DXCC) con una durata dell'attivazione di 2 ore (12.55z - 14.55z). Al primo QSO effettuato con Joe IK2WAD/p (DCI-BS218) seguito da Antonio IK8SHL/p (DCI-PZ117) entrambi in attivazioni parallele per il WCI 2011, ha fatto seguito il notevole pile-up (tnx per gli spot sul packet-cluster: I5FLN, IZ2OIF. IK2NBW, IZ2GTO, IK2SAW, IZ8BLV, LZ3CB, IK2PZC, IZ1OMY), sino all’ultimo QSO effettuato con Felice IZ8FFA in 40 metri. Giornata meravigliosa accompagnata da un bellissimo sole ed un gradevole venticello. Sono state scattate oltre 60 foto.

Arrivederci alla prossima attivazione DCI o IFFA, già programmata ad inizio di giugno.

 73s de Massimo IK1GPG e Betty IK1QFM

   

Quanti siamo

Abbiamo 223 visitatori e nessun utente online

   

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione. Informativa - Cookies policy

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Ulteriori informazioni